BANKITALIA: CONTINUA LA VOLATILITÀ DEI MERCATI

Secondo il Bollettino di via Nazionale rischiano di pagare famiglie e imprese con più alti costi di finanziamento



La crescita ha pesato anche su titoli delle banche, lo spread è calato dal picco toccato fra fine maggio e inizio giugno prima della formazione del nuovo governo ma la Banca d'Italia, nel suo bollettino economico, avvisa come la "volatilità sui mercati finanziari" italiani resti elevata. 

Secondo il documento di via Nazionale, le stime di crescita sono dell'1,3% per quest'anno mentre nel 2019 la crescita si attesterà sull'1%. Nel 2020 sarà dell'1,2%. Precedentemente, Bankitalia aveva previsto per il 2018 il Pil al +1,4% e al +1,2% nel 2019.

Nell’eurozona – spiega il consulente finanziario Walter Moladori – anche a causa dell’euro forte nel cambio contro il dollaro e i dazi recentemente imposti, la situazione non è più favorevole come nel secondo semestre 2017, ma ciò potrebbe spingere la BCE a non accelerare la normalizzazione della politica monetaria“. Nei mercanti emergenti, il rallentamento dell’inflazione consente alle banche centrali di adottare politiche espansive, tagliando anche i tassi di interesse. 

L'istituto centrale spiega che la salita dello spread era causata "dall'emergere di timori di alcuni investitori sulle prospettive di breve termine dell'economia italiana e dalla riduzione della liquidità del mercato". Una crescita che ha pesato anche sulle azioni delle banche.

BANKITALIA: CONTINUA LA VOLATILITÀ DEI MERCATI BANKITALIA: CONTINUA LA VOLATILITÀ DEI MERCATI Reviewed by Redazione on 01:18 Rating: 5

Nessun commento