SATISPAY: DIVENTA POSSIBILE IL PAGAMENTO ANCHE SU OLTRE 30.000 TERMINALI POS

Satispay, dopo aver raccolto l’interesse di numerosi Istituti di Credito che hanno scelto di promuovere l’innovativo servizio di mobile payment a fianco della loro offerta tradizionale, sigla ora un altro importante accordo con il Gruppo CSE, fornitore di soluzioni end – to – end per il mondo bancario e finanziario in generale. Una partnership che suggella ulteriormente la collaborazione tra la giovane fintech e il mondo dei servizi bancari. 


L’incontro tra Consorzio Servizi Bancari e Satispay, due realtà tecnologiche che hanno subito colto le potenzialità reciproche, permette l’avvio di un’importante collaborazione grazie alla quale Satispay sarà integrato sugli oltre 30.000 POS delle Banche Clienti che si affidano a CSE per l’outsourcing del terminale. In questo modo gli Istituti potranno fornire a loro volta ai propri clienti esercenti, POS già abilitati ad accettare i pagamenti con Satispay. 

L’integrazione rappresenta per Satispay un’ulteriore occasione per affermare la propria presenza, sempre più capillare, sul territorio, partendo tra l’altro dall’Emilia Romagna che, attenta alla trasformazione digitale, ha visto fin dagli inizi l’adozione del servizio di Satispay da parte di migliaia di esercenti tra i metodi di accettazione dei pagamenti.

Satispay ad oggi conta oltre 600mila download e più di 340mila utenti attivi, che usano l’app una media di 8 volte al mese. Il tasso giornaliero di crescita è di 800 nuove sottoscrizioni. Nel 2017 Satispay ha coperto in Italia, con oltre 35 milioni di euro, il 50% del valore delle transazioni eseguite in store via smartphone, che sono ammontate complessivamente a 70 milioni di euro. Le regioni a maggiore penetrazione sono soprattutto Lombardia e Piemonte, seguite da Emilia-Romagna, Veneto, Lazio, Puglia e Toscana.

Per il Gruppo CSE l’accordo conferma la propensione a sviluppare soluzioni e integrazioni sempre più all’avanguardia per accompagnare i propri clienti attraverso la rivoluzione tecnologica e del fintech. Tutte le Banche CSE avranno infatti la possibilità di convenzionare i propri clienti titolari di un’attività commerciale in maniera semplice, comoda e veloce: sarà sufficiente segnalare l’esercente al Consorzio, che si preoccuperà di fornire al merchant il POS già integrato con il servizio di pagamento alternativo offerto da Satispay, senza bisogno di effettuare alcuna registrazione. 

Vittorio Lombardi AD di CSE, ha dichiarato: “L’integrazione di Satispay sui terminali di CSE permettedisupportare,ulteriormente,inostriclienti nell’affrontareleevoluzionitecnologiche del sistema bancario e finanziario, che richiedono alle banche grande flessibilità, capacità per soddisfare esigenze più complesse e che necessitano dell’implementazione dei servizi digitali. Satispay diventa una risposta a questi bisogni, offrendo una soluzione innovativa, in grado di migliorare, semplificare, velocizzare le nostre abitudini quotidiane di pagamento. Un ulteriore posizionamento di CSE nel settore bancario come una realtà all’avanguardia e per il miglioramento e la digitalizzazione dei servizi.” 

Stefano Schiavio, Head of Financial Partnerships di Satispay, ha aggiunto: “Stiamo assistendo a una rivoluzione del sistema bancario e siamo felici di vedere una propensione così forte nell’adozione di soluzioni innovative da parte degli attori del settore, come CSE, player che spazia dall’outsourcing tecnologico alla consulenza. L’integrazione di Satispay su tutti i POS CSE dimostra l’efficacia del servizio, la cui offerta si sta diramando ad altissimo ritmo in tutta Italia, dando la possibilità a tutti gli utenti privati di pagare in modo facile, veloce e semplice, e che permette invece agli esercenti di abbattere drasticamente le commissioni con un sistema di pagamento che diventa anche strumento di marketing e canale di relazione verso la clientela.”
SATISPAY: DIVENTA POSSIBILE IL PAGAMENTO ANCHE SU OLTRE 30.000 TERMINALI POS SATISPAY: DIVENTA POSSIBILE IL PAGAMENTO ANCHE SU OLTRE 30.000 TERMINALI POS Reviewed by Redazione on 11:21 Rating: 5

Nessun commento