La crescita del segmento residenziale first class delle case di lusso a Milano


Se in Italia si può trovare una piazza liquida ed evoluta, questa non è che Milano, complice la sua capacità di attirare capitali anche da Paesi stranieri. In un contesto di questo tipo, sta conoscendo una crescita significativa il settore delle residenze di pregio, che gli addetti ai lavori identificano come first class: ne parla il rapporto "Vivere alla grande a Milano - Una nuova domanda residenziale first class". La quota degli immobili di prestigio a Milano, per quel che riguarda le compravendite, supera l'8% del totale delle transazioni. Tra il 2016 e il 2017, nello specifico, si è assistito a un incremento della domanda, non solo per quanto concerne l'acquisto ma anche per le locazioni, e ciò si è tradotto in un aumento del numero di contratti che sono stati stipulati. Lo scorso anno il trend di crescita degli scambi ha sfiorato il 20%, mentre in città le compravendite residenziali generali sono cresciute di circa il 12%.

Il confronto tra Milano e il resto d'Italia

Se la situazione degli immobili di prestigio a Milano è rosea, lo stesso si può dire prendendo in esame il dato nazionale: in tutta Italia il mercato delle residenze di pregio ha conosciuto un aumento di 2mila compravendite tra il 2016 e il 2017, pari a oltre il 13%. Il dato è più elevato rispetto alla media complessiva del mercato residenziale, il cui incremento non raggiunge l'8%. Vale la pena di mettere in evidenza che il mercato è di nicchia, dal momento che è legato a un numero di prodotti piuttosto ristretto. Nel corso degli ultimi tre anni, in particolare, il settore ha coinvolto più o meno il 3% dei volumi complessivi degli scambi che sono stati eseguiti in tutta Italia, per un totale, alla fine dello scorso anno, di 17mila immobili scambiati. Tenendo conto solo delle cifre provenienti dalle medie e grandi città, la quantità di transazioni che avvengono ogni anno per la fascia della first class è pari a 7mila: oltre a ciò devono essere calcolate le compravendite che si verificano fuori dai centri urbani più grandi, che sono circa 10mila.

Il mercato milanese

Per avere le idee chiare sugli immobili di prestigio a Milano occorre valutare la novità più rilevante all'ombra del Duomo: stanno cambiando, infatti, le aree verso cui si rivolge la domanda di fascia alta. Permangono, ovviamente, le location consolidate in cui si trovano residenze storiche, a iniziare dal Quadrilatero della Moda: uno scenario che comprende anche la zona di Cadorna e di Corso Sempione, l'area di Piazza San Babila, l'ex quartiere degli artisti di Brera, le vie che circondano Corso Vittorio Emanuele, Foro Bonaparte, la zona di Corso Magenta, quella di Corso Italia, Pagano, Porta Romana e via Vincenzo Monti. Un'altra direttrice che non può essere trascurata, d'altro canto, è quella delle residenze moderne che sono state progettate e costruite negli ultimi anni, in molti casi collocate in contesti di tendenza e alternativi al tempo stesso: l'esempio più noto è quello di Via Tortona, ma non si possono non menzionare le aree di Porta Vittoria, di City Life e di Porta Nuova, progetti rinomati anche a livello internazionale e che hanno un ruolo decisivo nello sviluppo della città.

I prezzi

Per quanto riguarda le quotazioni, Milano non è molto distante da Roma per i valori delle case di maggior pregio, a condizione che si tenga conto unicamente delle abitazioni nuove che sono ancora in via di realizzazione o che sono appena state concluse. Dietro Roma e Milanoseguono, poi, Venezia e Firenze, che però rimangono lontane dalla soglia dei 10mila euro al metro quadro che caratterizza le proposte della capitale politica e della capitale economica del nostro Paese. 
La crescita del segmento residenziale first class delle case di lusso a Milano La crescita del segmento residenziale first class delle case di lusso a Milano Reviewed by Redazione on 13:28 Rating: 5

Nessun commento